Rinocongiuntivite allergica: sintomi, cause e trattamento

rinocongiuntivite allergica rinite sinusite differenze

Le allergie respiratorie rappresentano una problematica di vasta portata: tra queste, la rinocongiuntivite allergica è in assoluto la più diffusa che, se non adeguatamente curata, può aggravarsi e coinvolgere l’intero apparato respiratorio. Scopri cosa sapere sulla rinite allergica.


Panoramica sulle malattie allergiche 

È bene sapere che, negli ultimi decenni, si è verificato un incremento notevole delle malattie allergiche: nello specifico, si stima che il 15% della popolazione italiana soffra di allergie del tipo I, secondo la classificazione di Gell e Coombs. La notevole diffusione delle allergie apre a problematiche di estrema importanza, non solo di ordine diagnostico ma anche terapeutico. 

Le malattie allergiche, pur riconoscendo una patogenesi immunologica comune, coinvolgono organi ed apparati diversi con un’ampia varietà di manifestazioni cliniche. Infatti, possono interessare le alte e basse vie respiratorie (rinocongiuntivite ed asma bronchiale), la cute (orticaria e dermatite atopica) oppure avere effetti generalizzati (anafilassi sistemica). 

Più nello specifico, le allergie respiratorie comprendono tutte le reazioni immunitarie scatenate dal sistema immunitario, sia stagionali che perenni, che provocano vari disturbi dell’apparato respiratorio. Dalla difficoltà di inspirare dal naso e dalla bocca fino alle riniti allergiche, per arrivare ai casi più gravi di sinusite, asma bronchiale e persino anafilassi

Rinite, rinocongiuntivite, sinusite o asma?

La rinite allergica, comunemente nota come raffreddore allergico o “febbre da fieno” (se di natura stagionale) è un’infiammazione delle mucose nasali, causata da una reazione immunitaria agli allergeni inalanti (pollini, acari della polvere, peli di animali, etc). L’incidenza globale della rinite allergica è superiore al 10%, rendendola la forma di allergia più comune al mondo.

In più del 90% delle riniti, ai sintomi nasali si associa la congiuntivite con prurito degli occhi, arrossamento e lacrimazione: si parla quindi di rinocongiuntivite o oculorinite allergica.

Se non curata adeguatamente, la rinocongiuntivite può peggiorare nella rinosinusite, infiammazione che coinvolge anche i seni paranasali, e nella rinofaringite, che interessa la faringe. Un’ulteriore complicanza è rappresentata dall’asma bronchiale: esiste infatti una stretta relazione tra le vie respiratorie superiori e inferiori, che autoalimenta gli stati infiammatori.

Risulta quindi fondamentale riconoscere e gestire prontamente la rinite allergica, per prevenire il peggioramento dei sintomi e l’insorgenza di gravi complicanze respiratorie.

Capire se è rinite allergica: i sintomi

I sintomi tipici che fanno sospettare una rinite allergica sono gli frequenti starnuti, la sensazione di bruciore nelle narici, un naso che prude e cola in modo persistente o che rimane ostruito. Ma l’allergia può essere accompagnata da un’altra serie di segnali, quali:

Sintomi oculari, di cui occhi arrossati e pruriginosi, che lacrimano profusamente;

Sintomi orofaringei, di cui prurito al palato molle, irritazione della gola e mal di gola;

Sintomi generici come mal di testa e stanchezza, apnee notturne e disturbi del sonno.

La presenza di questi sintomi in varia combinazione, soprattutto se ricorrenti in determinati periodi dell’anno o in specifici ambienti, è un forte indicatore di rinocongiuntivite allergica. Comprendere la malattia e ottenere una diagnosi tempestiva è importante per intraprendere un trattamento adeguato, prima che la situazione degeneri e coinvolga le basse vie respiratorie.

Cosa provoca la rinite allergica?

La rinocongiuntivite allergica può manifestarsi con un decorso stagionale o persistente (detto anche perenne), a seconda degli allergeni specifici che ne sono la causa scatenante.

– Nella rinite allergica stagionale, i responsabili sono perlopiù pollini, erbe e graminacee rilasciati nell’atmosfera a seconda delle stagioni: ad esempio, in primavera troviamo i pollini di quercia, olmo e betulla, in estate le graminacee, e in autunno erbe come l’ambrosia. 

– La rinite allergica perenne, invece, è innescata da allergeni presenti tutto l’anno, come acari della polvere domestica, peli di animali, muffe e spore di funghi negli ambienti chiusi. 

Alla base dell’insorgenza della rinite allergica vi sono poi alcuni fattori di rischio, sia di tipo ereditario-genetico che ambientale: ad esempio il fumo passivo, l’inquinamento, condizioni abitative con una scarsa ventilazione o umidità stagnante in cui si diffondono acari e muffe.

Dalla diagnosi al trattamento

La diagnosi di rinocongiuntivite allergica, da parte di uno specialista in Allergologia, si basa innanzitutto su un’accurata anamnesi dei sintomi e dei fattori scatenanti, insieme a un esame obiettivo delle mucose nasali e oculari. In aggiunta, si ricorre ai principali test allergologici o al dosaggio delle IgE allergene-specifiche nel sangue, per individuare gli allergeni responsabili.

Una volta confermata la rinite allergica, il trattamento prevede l’uso di antistaminici per via orale o nasale per contrastare i sintomi, eventuali decongestionanti per brevi periodi e in seguito corticosteroidi spray, che riducono l’infiammazione in modo mirato. Nei casi più gravi e persistenti può essere indicata l’immunoterapia mediante vaccini di desensibilizzazione, ed è  sempre fondamentale evitare il più possibile l’esposizione agli allergeni scatenanti.

Centro Diagnostico Veneto offre un servizio specializzato in Allergologia, svolto da un’équipe di professionisti come la Dott.ssa Casanova Stefania, che si occupano di diagnosticare e trattare varie allergie, tra cui la rinocongiuntivite, indicando al paziente le migliori terapie che consentano una risoluzione o una convivenza il più serena possibile con la problematica.

Contattaci e prenota la tua visita allergologica a Vicenza.

Contattaci e prenota la tua visita allergologica a Vicenza.

Centro Diagnostico Veneto si trova in Via Sette, 56, a Caldogno (Vicenza).

© 2024 Centro Diagnostico Veneto Srl