Movember: prevenzione del tumore alla prostata

la prevenzione è salute cdvs

Autunno: pochi sanno che questa stagione rappresenta un momento importante per la prevenzione del carcinoma della prostata.

Il mese di Novembre è stato infatti dedicato alla prevenzione del tumore prostatico: gli ideatori del Movember, una iniziativa che vide la luce nel 2003 a Melbourne, in Australia, hanno avuto l’intento di sensibilizzare la popolazione maschile sull’utilità della diagnosi precoce di questa malattia.

Oggi il Movember, che deve il suo nome alla fusione della parola inglese Moustache (baffi) – simbolo chiaramente maschile – con November (Novembre), è una realtà anche in Italia ed ha esteso il suo obiettivo alla raccolta fondi e alla promozione del dialogo sui problemi di salute maschile. Da sempre gli uomini si curano meno della propria salute rispetto alle donne ma fortunatamente, anche grazie a campagne come questa, la sensibilità nei confronti dell’argomento sembra diffondersi.

Il motivo per cui i maschi dovrebbero sottoporsi ad esami di prevenzione in ambito uro-andrologico sono numerosi e riguardano tutte le età. Il tumore testicolare colpisce prevalentemente individui giovani, mentre il cancro alla prostata prevalentemente i maschi oltre i 50 anni. In entrambi i casi, la diagnosi precoce contribuisce a migliorare sensibilmente le percentuali di guarigione e riduce la necessità di ricorso a terapie aggiuntive, come la Chemioterapia o la Radioterapia.

La patologia prostatica benigna è età-dipendente e la sintomatologia ad essa correlata impatta in modo significativo sulla qualità della vita. Sintomi come urinare lentamente, con troppa frequenza o impellenza, urinare più volte alla notte, finiscono per condizionare negativamente le giornate dei pazienti che ne sono affetti. Va poi aggiunto che l’evoluzione dell’ipertrofia prostatica benigna, specie se non controllata adeguatamente, può condurre a complicanze quali infezioni urinarie ricorrenti, calcolosi vescicale o insufficienza renale.

Nei Paesi occidentali, circa una coppia su cinque ha difficoltà a procreare e dati recenti hanno mostrato un allarmante peggioramento della salute riproduttiva. Anche in questo caso, un inquadramento precoce dello stato di salute uro-andrologica può consentire allo specialista di porre in essere accorgimenti terapeutici con risultati eccellenti. 

In concreto sarebbe auspicabile che ogni giovane maschio si sottoponesse ad una visita uro-andrologica per conoscere il proprio stato di salute in quell’ambito e per approfondire conoscenze sull’anatomia e alla fisiologia dell’apparato genitourinario. Agli uomini a ridosso dei 50 anni è consigliato di effettuare un controllo uro-andrologico con cadenza annuale.  

In occasione di questa ricorrenza, per tutto il mese di Novembre, il Centro Diagnostico Veneto offre un CHECK-UP UOMO specifico al prezzo scontato di 45 euro (età inferiore o superiore ai 40 anni).

Contattaci per maggiori informazioni.

© 2024 Centro Diagnostico Veneto Srl